ArteVS Bullismo

Il 4 marzo 2017 si è tenuto, presso il centro commerciale Conero Auchan, l’evento ArteVSbullismo.

La data non è stata scelta a caso: il 4 Marzo del 1943 nasceva Lucio Dalla, uno dei più importanti protagonisti del panorama musicale italiano, che insieme a Mario Zamboni ha sostenuto la realizzazione del primo centro anti-bullismo delle Marche, la Fondazione Vento, nata per combattere il disagio tramite l’arte. L’arte in ogni sua forma – pittorica, visuale, teatrale, musicale – è uno strumento di comunicazione potente ed efficacie nell’universo giovanile, capace di diffondere messaggi positivi contro ogni forma di violenza e discriminazione.

L’evento, voluto dal Centro Commerciale Auchan Conero e organizzato in collaborazione con l’Agenzia Sangit, ha dato modo agli studenti di alcuni istituti scolastici del territorio e ai ragazzi frequentatori di un centro di aggregazione giovanile di Ancona di realizzare dei video che potessero veicolare e diffondere i propri pensieri sul fenomeno del bullismo, “scendendo in campo” per diventare testimonial attivi di una campagna contro la violenza e la discriminazione tra i giovani:  #arteVSbullismo.

Un evento corale che ha visto la collaborazione di differenti entità, tra cui la Società Cooperativa COOSS MARCHE e l’Associazione LA STRADA DI ERM; ha inoltre raccolto l’interesse delle Istituzioni, presenti con i rappresentanti delle Pari Opportunità della Regione Marche e delle Politiche Educative del Comune di Ancona, oltre al supporto dell’Ufficio Scolastico Regionale che ha voluto complimentarsi per la “lodevole inziativa”.

Oggi la campagna contro il fenomeno del bullismo continua: i video realizzati dai ragazzi sono stati diffusi sulla pagina FB del Centro Commerciale Auchan Conero e hanno, in meno di una settimana, raggiunto il numero di circa 6000 visualizzazioni. Guarda i video qui.

Il “viaggio” e la viralizzazione continuano….

Un grazie agli studenti e ai docenti del Liceo Artistico Mannucci di Jesi e dell’Istituto Volterra Elia di Ancona e a tutti i ragazzi del Centro di Aggregazione Giovanile “Gli Archi” per aver aderito all’iniziativa.